L’Accademia

L’International Templar Academy Foundation, per ottimizzare i propri lavori, si è strutturata in modo articolato ma agile allo stesso tempo. Gli organismi che la compongono vedono al loro interno docenti, professionisti e studiosi provenienti da svariate realtà e con alle spalle percorsi accademici, professionali e umani a volte molto diversi se non, addirittura, apparentemente distanti. Quest’ultimo è il vero punto di forza del tipo di Istituzione che i fondatori hanno voluto: un luogo incontaminato dove si sa prendere il meglio da esperienze, storie e formazioni culturali disparate, dove tutti sono accomunati dall’interesse e dalla passione per l’affascinante storia medievale e in particolare da quella dei Cavalieri del Tempio. Questo, però, non si deve ridurre alla mera ricerca cronistorica, ma deve cercare di dare risposte sul perché di tante domande rimaste ancora senza replica. L’ambizioso progetto che l’ITAF si prefigge è far sì  che i documenti che produrrà siano un prodotto frutto e sintesi dello studio e della ricerca di tanti, il risultato cioè del meglio dei singoli, cavalcando l’ambizione di rispondere alla domanda delle domande: perchè ancora oggi milioni di persone al mondo sono ancora interessate a questi temi.

Il Board.

È  l’apice dell’Accademia, ne fanno parte il Presidente Marco Pirillo che la rappresenta, coadiuvato dal Vicepresidente Giovanni Zipponi che assume anche le funzioni di Segretario Generale, e dal Rettore Nicola Luisi.

Il Consiglio di Presidenza.

È composto dai membri del Board più il Segretario Alessandro Sergiacomi e la Tesoriera Angela Colosimo.

Il Senato Accademico.

È un organismo di cui fanno parte, oltre ai membri del Board, alte personalità accademiche, con un ruolo consultivo in particolare sulle scelte legate ad iniziative congiunte con altre Istituzioni.

I Dipartimenti.

I Dipartimenti si occupano di un macrosettore, sono governati da un Capo Dipartimento, supportato da docenti e studiosi di materie specifiche.

Gli Accademici.

Il corpo degli Accademici si distingue da quello degli Accademici di Merito e degli Accademici d’Onore in quanto riservato a tutti i membri dell’OSMTH Magnum Magisterium che, previa domanda, decidano di sostenere l’Accademia.

I Delegati territoriali.

I Delegati territoriali sono Accademici che rappresentano l’Istituzione in una determinata zona geografica, che può essere nazionale, regionale o provinciale. Il loro compito è quello di gestire, nel territorio di competenza, i rapporti con le Istituzioni locali e le Associazioni ove le rispettive finalità siano compatibili.

Le pubblicazioni “Per Sapientiam ad Astra”.

Le pubblicazioni “Per Sapientiam ad Astra” sono articolate in due Collane: “Collana Studiorum” e “Collana Documenta”. Sono guidate da un Comitato Scientifico che ha il compito di raccordare e fare sintesi sugli elaborati pervenuti dai dipartimenti, da singoli accademici, o dall’esterno, decidendone la pubblicazione. Data l’internazionalità dell’Accademia, potranno essere tradotte in più lingue.

Il Sigillo dell’Accademia

Il sigillo dell’accademia ricorda in ogni dettaglio i sigilli antichi.  Sullo sfondo la Croce Patente, che è il più noto simbolo di riconoscimento dell’Ordine dei Cavalieri Templari. Poi l’albero della vita, simbolo di conoscenza e saggezza. Ogni elemento dell’albero ha un significato: le foglie rappresentano la molteplicità della vita e l’abbondanza, il tronco la fermezza e la solidità, il tronco insieme alle radici le basi solide. Al centro l’immagine di Bernardo di Chiaravalle, Santo e Dottore della Chiesa, considerato unanimemente il padre spirituale dell’Ordine dei Cavalieri del Tempio.

La dicitura circolare utilizza un carattere che ricorda gli antichi scritti dei maestri incisori. Il font ha delle lettere con delle punte ben evidenziate che ne aumentano il rigore delle linee. Sul tutto il colore giallo oro che significa luce divina ed eternità.

Don`t copy text!